I TIPI LOSCHI

La Compagnia dei Tipi Loschi del beato Pier Giorgio Frassati nasce nel 1993. Marco Sermarini e la sua futura moglie Federica, il 17 di ottobre di quell’anno invitarono gli amici a passare un pomeriggio insieme a Casa San Francesco di Paola, a Grottammare (AP). Si presentarono oltre quaranta persone di diverse età . Giocammo al gioco del fazzoletto finché ci fu luce e fiato. E così fu che il sabato pomeriggio divenne da allora giorno di appuntamento per incontrarci, per ascoltare insieme la riunione, giocare e andare infine alla messa. Da quel 17 ottobre tanti altri giovani si aggiunsero a quel gruppo di amici. Il Vescovo diocesano di allora, Mons. Giuseppe Chiaretti, ci permise di restare a Casa San Francesco esortandoci anche a andare avanti, intravedendo probabilmente in questa novità , qualcosa di buono e non casuale. I più grandi del gruppetto -che non aveva ancora un nome- avevano “conosciuto” il beato Pier Giorgio Frassati e lo avevano preso come riferimento; così lo cominciaro-no a far conoscere a tutti quelli che venivano il sabato a “San Francesco”. Il primo novembre successivo lo stesso Mons. Giuseppe Chiaretti, durante la Santa Messa, disse che in diocesi era nato un nuovo movimento che si chiamava “Compagnia dei Tipi Loschi del beato Pier Giorgio Frassati”, dandoci così un nome proprio, confermando la sua fiducia e incitandoci a proseguire. Da allora il 1 novembre, Solennità di Tutti i Santi, é per i Tipi Loschi anche la festa della Fondazione della Compagnia che festeggiamo solitamente recandoci a Loreto per ringraziare Dio, la Madonna e tutti i Santi del dono che abbiamo ricevuto.
La Compagnia è oggi una realtà cresciuta fuori da ogni nostra realistica aspettativa. È divenuta una presenza fra i giovani, nelle scuole, nei luoghi di lavoro. Alcuni poi hanno dato vita a un’Associazione di volontariato (Associazione Papa Giovanni Paolo II onlus), a due Cooperative (Cooperativa Capitani Coraggiosi a s.r.l. e la Hobbit soc. coop. sociale), ultimamente è nata una scuola libera intitolata a “G.K. Chesterton” ... E ancora: un coro musicale, una compagnia teatrale dal nome simpatico (come era simpatico il nostro patrono) “Pochi ma buoni come i maccheroni” (proprio così, era questo un modo di dire di Pier Giorgio)... Un’altra frase di Pier Giorgio ha ispirato il titolo del mensile che la Compagnia pubblica da oltre quindici anni: “Vivere e non vivacchiare”.
Con Pier Giorgio nel cuore vogliamo attuare un’amicizia fondata radicalmente in Gesù Cristo, attraverso la quale dare un giudizio alle vicende della vita, aiutarci nelle circostanze quotidiane, un’amicizia che non rimanga chiusa in se stessa, ma che generi opere e si allarghi a tutte le persone che si incontrano, prendendole a cuore e aiutandole nelle necessità quotidiane. Vogliamo vivere dunque una fede che c’entra con la vita. L’incontro con Pier Giorgio ci ha dato infatti la conferma che la santità non è un limite per un uomo, né un “mestiere” di pochi, ma una completezza e un coronamento della nostra personalità e soprattutto è la vocazione a cui tutti siamo chiamati.

IMG_20200816_090615.jpg
IMG_20140817_100119.jpg
PANO_20191227_145457.jpg
IMG_20190406_224104.jpg
009_3642.jpg
009_5722_51514890230_o.jpg
IMG_20200705_130325.jpg
IMG_20200811_130557.jpg
IMG_20210605_194727.jpg
009_0036.jpg
IMG_20181229_143350.jpg
IMG_20170101_003612.jpg
009_9927.jpg
009_8718 pano.jpg
IMG-20190813-WA0035.jpg
IMG_20210814_090736.jpg
IMG_20210808_115216.jpg
IMG_20190106_121817.jpg
IMG_20210402_203939.jpg
IMG_20190727_173144.jpg
 

DICONO DI NOI...

E06E4C14-4E48-499B-B4A1-0D626D4009FF.jpg

Marco Sermarini ci parla della Compagnia dei Tipi Loschi, della Scuola Chesterton e di alcune importanti novità.